The wind of change in Sicily

DSC_1672

Dears,

For my new post I chose a special location. This place is very close to my hometown and it represents the strong will of the young Sicilian population to fight and win against the “mafia” cancer. Some years ago, lots of students were involved on this project and they put all of their creativity and ability to express a positive message. This initiative has been acclaimed by many journalists and bloggers and I thought It’s was a good idea to leave a space on my fashion blog too to talk about this important and difficult topic.

I chose to wear some accessories characterized by different meanings, They are not directly related with the idea of this article but they give strength and personality when included in your look. I really like them.  What do you think??

Kisses

Carissimi amici,

Per il post di oggi ho scelto una location molto particolare che sono felice di far conoscere anche a chi mi seguisse non essendo di Giarre, il paese nella provincia di Catania in cui sono nata. Ho sempre considerato questo blog uno spazio in cui raccontare la mia realtà, una realtà di ragazza appassionata di moda e di quanto ruoti attorno a questo concetto ma anche fortemente legata alla mia terra d’origine, che fin adesso ho immortalato nel suo vestito più bello.

La Sicilia non è solo lo scenario paradisiaco intravisto nei miei scatti ma è anche un luogo di sofferenza e talvolta nemico, perché attanagliato da un cancro pericoloso e ramificato quale è la mafia. A questo termine sono stati attribuiti moltissimi significati, perlopiù dati da chi con essa è venuto a contatto solo per mezzo delle più o meno realistiche produzioni cinematografiche. Io oggi voglio parlarvene elogiando l’iniziativa di alcuni ragazzi che qualche anno fa, ancora studenti degli istituti tecnici di Giarre-Riposto, hanno fatto della loro creatività, della loro passione per l’arte nel senso più moderno, uno strumento per urlare il loro disprezzo e la loro condanna nei confronti di un morbo che impedisce alla nostra terra di sbocciare e di essere universalmente riconosciuta come uno dei luoghi più belli al mondo.

Ecco quindi che, è possibile trovare un angolo a Riposto in cui dei murales raccontano la voglia di riscatto di noi giovani siciliani, che raccontata in un modo nuovo, un modo che insieme ai mille altri che solo la classe giovanile è in grado di esprimere, forse domani ci porterà a parlare della nostra terra come tutti sogniamo da tempo di poter fare.

Per questo pomeriggio ho scelto di indossare degli accessori che si caratterizzano per la  loro originalità data dai significati incisi su di essi, significati che pur essendo diversi da quelli a cui si rifà questo post, attribuiscono grande forza e personalità a chi li indossa.

 

DSC_1657 DSC_1653 DSC_1628 DSC_1637 DSC_1630 DSC_1655

DSCF5422DSCF5430 DSCF5427 DSCF5426 DSCF5425DSC_1646 DSC_1665 DSC_1667

I’m wearing

Black dress with prints by Gaudi

Earrings, necklace, rings, bracelets by Vai Milano, collection “Ego You” provided by my partner Severino lo Po’ Gioielli dal 1921.

 

Fonte: [http://idee-e-fatti.blogspot.it/2008/08/mi-piacerebbe-che-non-fossero-solo.html]

Google+ Comments

 

Leave a reply